Ricambi auto

Quando l’auto va in vacanza: i controlli da fare prima di partire

L’estate è arrivata e con essa le sospirate vacanze. Per viaggiare sereni vi proponiamo una lista dei controlli da fare prima di mettersi in viaggio È arrivata l’estate e con lei le sospirate vacanze, che spesso implicano un viaggio in automobile. Le alte temperature delle nostre estati mettono comunque a dura prova i veicoli ma il viaggio verso la meta vacanziera, con l’auto sovraccarica e le code sotto il solleone, è ancor più impegnativo. Diciamo subito che un’auto “sana” non dovrebbe avere particolari problemi a sopportare questi stress ma, in ogni caso, qualche controllo va fatto. Cominciamo dalle cose ‘amministrative’, immateriali ma essenziali per non compromettere la vacanza e/o il viaggio. Occorre quindi sincerarsi che la revisione non sia scaduta, che l’automobile sia regolarmente assicurata e che chi la deve guidare abbia la patente valida e adatta al mezzo in questione.

Visibilità a tutta prova

visibilità autoIn viaggio è essenziale vedere bene e farsi vedere e sono quindi d’obbligo controlli preventivi sulle spazzole del tergicristallo e sul livello del liquido lavavetri. Va verificato inoltre il corretto funzionamento di tergicristallo, tergilunotto e degli eventuali lavafari, che devono muoversi fluidamente, senza rumori strani. Anche gli spruzzatori di liquido lavavetri vanno controllati e, se necessario, orientati e puliti. Per farsi vedere anche da lontano, poi, è essenziale verificare il funzionamento di tutte le lampadine e i fari, con particolare attenzione ai falsi contatti che ne fanno accendere alcune, seppur debolmente, a sproposito. Se l’altezza degli anabbaglianti non è più un problema, grazie alla regolazione dal cruscotto, questa comodità non ci esime dal controllare il corretto allineamento e centraggio dei proiettori.

 

Ambiente confortevole, ‘scarpe’ in ordine

filtro aria abitacoloCapitolo aria condizionata: il climatizzatore (che purtroppo a volte è optional) deve funzionare correttamente e questo deriva anche dall’averlo fatto controllare periodicamente da uno specialista. L’importanza di questo sistema è fuori discussione: pensate che una temperatura eccessiva può abbassare l'attenzione del guidatore come l’abuso di alcol. Va controllato anche il filtro aria abitacolo, da sostituire agli intervalli stabiliti: sappiamo infatti che esso rende salubre, non solo d’estate, l’aria che respiriamo. Gli pneumatici, imprescindibili sempre, sono ancor più vitali nella stagione calda e vanno controllati molto attentamente. La loro pressione dev’essere quella prescritta dal costruttore per il veicolo carico. Ricordiamo che il calore dell’asfalto e del rotolamento possono farla salire ma, nel caso li si controlli durante il viaggio, essi non debbono essere sgonfiati perché la pressione ritornerà normale non appena raffreddati. Lo spessore del battistrada dev’essere almeno pari al minimo di legge - 1,6 mm – ma sarebbe bene non mettersi in viaggio con questo spessore limite. I controlli vanno estesi anche alla ruota di scorta, che è bene sia gonfiata più delle altre: dato che non la si verifica spesso in questo modo è più probabile trovarla ad una pressione almeno corretta. Vanno controllati anche tutti gli attrezzi connessi ad un eventuale cambio ruota: cric, triangolo, gilet rifrangente, compressore, kit di riparazione/gonfiaggio e così via. Oltre alla pressione è importante verificare la presenza di tagli, screpolature evidenti, rigonfiamenti e danni vari: meglio sostituire in anticipo che rischiare la vita.

 

Lubrificare e raffreddare

motore autoSupponendo che l’olio motore sia stato sempre cambiato al chilometraggio prescritto (eventualmente insieme al filtro) se ne dovrà controllare soltanto il livello . Sarebbe opportuno tenere nel bagagliaio una lattina di olio di scorta per eventuali necessità. Un altro sistema molto sollecitato è quello di raffreddamento: va quindi verificato il livello del liquido e la presenza di trafilamenti o perdite dalle tubazioni. Se si è in prossimità del chilometraggio/periodo della sua sostituzione potrebbe essere indicato anticiparla e lavare l’impianto in modo da partire con il liquido ‘fresco’ e l’impianto pulito. Stesso discorso per l’impianto frenante: va fatto un controllo del materiale d’attrito, delle tubazioni flessibili e del livello del liquido. Segnaliamo la possibilità di un controllo dello stato del fluido frenante, che va cambiato agli intervalli prescritti o anche prima in condizioni d’uso particolari.

 

Prudenza e obblighi

Non dovremmo neanche dirlo ma, nel dubbio, ribadiamo per finire quelli che, ancor prima di essere obblighi di Legge, sono note di prudente buon senso. Tutti i passeggeri dovranno viaggiare con le cinture di sicurezza ben regolate e allacciate e i bambini più piccoli dovranno sedere su seggiolini omologati, adatti alla loro età e magari dotati di allarme anti-abbandono. Un altro dispositivo salvavita è il vivavoce mani libere: di serie su moltissime automobili, è reperibile in versione aftermarket per poche decine di euro, per completare la dotazione delle auto che ne sono sprovviste. Il suo uso eviterà non solo le multe ma anche molti rischi d’incidente: usatelo sempre!

 

Nicodemo Angì

Commenta