10.2 C
Napoli
giovedì, 18 Aprile 2024
  • Francoforte e veicoli elettrici Renault

    Renault sta preparando una rivoluzione francese dell’auto elettrica. Assieme a Nissan, a Samsung e a numerosi enti ambientalisti ha curato grandi campagne di avvicinamento alla trazione elettrica, installando, ad esempio, delle “paline” per la ricarica veloce in numerose città europee e israeliane.

    Ma sarà al Salone di Francoforte l’occasione attesa per sfoderare tutte le proprie armi. Pare che Renault porterà di certo tre nuovi modelli elettrici, di cui uno sarà un concept realizzato in collaborazione con Nissan, che invece presenterà a Tokyo la propria versione. Entrambi i veicoli, il francese e il giapponese, saranno in vendita dalla fine del 2010.

     

    La gamma elettrica di Renault beneficerà di uno stile proprio che renderà i veicoli immediatamente riconoscibili.

    Ciononostante saranno presenti a Francoforte anche delle versioni elettriche plugin di Megane e di Kangoo, assieme alle quali sarà presentata l’interessante tecnologia di batterie intercambiabili, originale Renault.

    In pratica, quando le batterie saranno scariche, si potrà decidere se ricaricarle in casa, dalla presa elettrica, con l’impiego di lungo tempo o affidarle a delle stazioni di ricambio che la sostituiranno immediatamente con una carica. Quelle scariche saranno ricaricate velocemente e rimesse in circolazione. Questo sistema, denominato Quick Drop, permetterà per esempio di vendere la Twingo ZE, probabilmente una delle tre concept, allo stesso prezzo della Twingo diesel, poiché le batterie sarebbero noleggiate successivamente. Inoltre ciò sopperirebbe alla scarsa autonomia di 160 km.

    La Megane sembra essere la prima vettura a debuttare sul mercato, in Israele, grazie al progetto Better Place.

    Renault ha inoltre recentemente annunciato la collaborazione con EDF (electricité de France) per la realizzazione della Power Line Communication (PLC), un’interfaccia telematica capace di tenere sempre in comunicazione la vettura elettrica con la rete di stazioni di ricarica, in modo che ogni vettura sia costantemente monitorata e non possa mai restare a “secco”.

    ARTICOLI CORRELATI

    Ultime notizie