10.9 C
Napoli
giovedì, 18 Aprile 2024
  • TECNOLOGIA MADE IN ITALY PER LA PREVENZIONE DEGLI INCIDENTI

    Il dispositivo è composto da 2 moduli centrali , tra loro comunicanti in radiofrequenza (a bassa emissione e conformi alle normative europee) o via cavo. Il 1.o modulo , di solito installato sotto il sedile di guida , è composto da microprocessore , memorie , timer , stadi di trasmissione e ricezione in radiofrequenza e collegato a sensori ed attuatori di vario tipo installati nell’abitacolo (zona sedile di guida) ; il 2.o modulo ( a servizio del 1.o ) verrà installato nel vano motore , a controllo dell’ alimentazione elettrica del veicolo e del flusso di carburante . L’ utilizzo congiunto ed automatico di tutti questi componenti consentirà di rendere il dispositivo inviolabile e senza possibilità di inganni o falsificazioni dei risultati .

    1) 1.a FUNZIONE = CONTROLLO STATO DI EBBREZZA ALCOLICA CONDUCENTE
    1.1) prima dell’avviamento del veicolo , esecuzione obbligatoria ( almeno in certi orari prestabiliti ) di un test alcolico ( con sensore di alcool integrato nel dispositivo e scelto dal Ministero dei Trasporti tra i vari precursori omologati ) ;
    1.2) controllo di tutti i possibili tentativi di inganno prima , durante e dopo il test alcolico :
    – chi effettuerà il test dovrà obbligatoriamente guidare il veicolo ;
    – il test potrà essere effettuato solo con aria alveolare e null’ altro ;
    – controllo di possibili inganni prima e durante il test alcolico ; in caso affermativo , limitazioni varie ed obbligo di nuovo test ;
    – controllo di possibili inganni anche durante il viaggio ( dopo il test ) ; in caso affermativo previste limitazioni immediate , deterrenti e penalità successive ;
    – ogni tentativo di falsificazione o inganno verrà registrato e sanzionato in vario modo ( immediato e/o differito nel tempo ).
    Quindi , con tale dispositivo , non sarà possibile :
    – far effettuare il test alcolico a persona diversa da quella che poi guiderà il veicolo ;
    – sostituire il conducente , durante o dopo il test ( durante il viaggio ) ;
    – utilizzare oggetti non autorizzati ( tubi , palloncini , pompe , bombolette, aste , ecc. ) ;
    – utilizzare profumi , solventi o altre sostanze che potrebbero influire sulla % di alcool presente nell’ aria alveolare soffiata nel sensore .
    Infine non sarà conveniente ( viste le penalità inflitte ) :
    – bere ” durante ” il viaggio ( dopo il test alcolico ) .

    – Se conducente euforico = veicolo abilitato a muoversi ma a velocità ridotta; in questo modo , non essendo eccessivamente repressivo ( quando il tasso risulta essere al ” limite ” della norma ) il dispositivo potrà diventare un valido aiuto per gli automobilisti .
    – Se conducente ubriaco = veicolo inibito al movimento ; si dovrà rifare un nuovo test (dopo un certo tempo) oppure far guidare una persona sobria . – Se conducente molto ubriaco = veicolo inibito al movimento + altre penalità ; – Gestione e controllo di vari casi automatici di ” esenzione ” dal test alcolico per motivi di ( vera ) ” urgenza ” o altro .
    – Registrazione (senza possibilità di manomissione) di parametri di stato del veicolo e del test alcolico per decisioni ( automatiche ) successive ; – Previste penalità ulteriori in casi di ” recidività ” ( infrazioni ripetute ) ; – Utilizzabile , senza alcuna modifica , anche come antifurto-veicolo !
    Il dispositivo sarà progettato per essere ” modificato ” in vario modo a seconda delle particolari esigenze dei vari Paesi dell’ Unione Europea ( es. : età del conducente , fascia oraria di obbligo test alcolico, premi per comportamento corretto e regolare, penalità per recidività , ecc. ) .

    2) 2.a FUNZIONE = CONTROLLO CORRETTO UTILIZZO CINTURA DI SICUREZZA CONDUCENTE DURANTE LA CIRCOLAZIONE DEL VEICOLO
    Dopo l’accensione del veicolo e durante la sua circolazione , il dispositivo controllerà che la cintura di sicurezza del conducente sia utilizzata in modo “corretto” ( cioè senza inganni ) ; in caso contrario saranno attivate varie limitazioni e/o deterrenti come, ad es. , la riduzione di velocità ( immediata o differita nel tempo ) , l’attivazione ( per qualche secondo ) del clacson , delle 4 frecce di emergenza , ecc. .

    3) 3.a FUNZIONE = CONTROLLO CORRETTO UTILIZZO TELEFONINO CELLULARE CONDUCENTE DURANTE LA CIRCOLAZIONE DEL VEICOLO
    Durante la circolazione del veicolo , il dispositivo controllerà che il conducente utilizzi il telefonino cellulare ( in caso di telefonata ) in modo “corretto” , ovvero con auricolare o viva-voce ; in caso contrario, saranno attivate varie limitazioni e/o deterrenti come, ad es. , il disturbo della telefonata, la riduzione di velocità (immediata o differita nel tempo), l’attivazione (per qualche secondo) del clacson, delle 4 frecce di emergenza , ecc. .

    Articolo pubblicato sul sito kataweb.it (sez.Motori) in data 12/07/2005

    ARTICOLI CORRELATI

    Ultime notizie