25.7 C
Napoli
sabato, 13 Aprile 2024
  • Peugeot-Citroen in Cina. Invasione al contrario

    Psa Peugeot Citroen e Dongfeng Motor Group puntano per la loro joint venture cinese – la Dongfeng Peugeot Citroen Automobile (Dpca) – a un nuovo piano industriale che dia un’accelerazione al loro sviluppo in Cina. Il board della Dpca ha infatti deciso lo scorso primo aprile di individuare un nuovo centro di produzione.

    I tempi e la localizzazione del nuovo stabilimento saranno tuttavia precisati il prossimo mese. Mentre l’accelerazione della produzione della joint venture prevede che lo stabilimento di Whuan arriverà a produrre nel 2008 circa 300.000 veicoli.

    Parallelamente la Dpca prevede anche il rafforzamento del suo piano di produzione, a partire dalle due nuove piattaforme del gruppo introdotte in Cina da metà del 2004, e l’introduzione, prima della fine del decennio, della piattaforma 3 per produrre veicoli di gamma media superiore. La Joint Venture disporrà così di una gamma completa che andrà dai veicoli compatti alle grandi berline. Dpca prevede di mandare in produzione sul sito industriale di Wuhan nove modelli tra il 2006 e il 2009 di cui tre nuovi modelli entro quest’anno.
    Dopo il lancio nel luglio 2004 della Peugeot 307 sulla piattaforma 2 del gruppo e quello della Peugeot 206 sulla piattaforma 1 nel marzo di quest’anno, due nuove Citroen saranno lanciate entro il 2006: la Citroen C-Trionphe, presentata lo scorso febbraio a Shenzhen, e un nuovo veicolo compatto Citroen a fine anno. L’offerta dei veicoli prodotti a Wuhan coprirà quindi otto modelli.

    Questo progetto – fanno sapere i francesi – poggia sulle prospettive favorevoli del mercato cinese e sulla capacità di Dpca di mettere sul mercato dei veicoli adatti alle attese della clientela cinese, grazie anche alla competenza dei suoi 650 ingegneri e tecnici responsabili dello sviluppo dell’auto. Nel 2005 – sottolinea Peugeot – su un mercato in crescita del 24% le vendite di Dpca sono aumentate del 57,5% passando da 89.100 a 140.000 unità. L’obiettivo di vendite della joint-venture per il 2006 è stato fissato a oltre 200.000 veicoli. Inoltre – informa la casa francese – nel quadro di un forte sviluppo delle sue attività in Cina, Psa Peugeot Citroen ha creato una sua filiale, detenuta al 100% dal gruppo, chiamata Peugeot Citroen China Automotive Trade Company Limited. Questa filiale – conclude – permetterà di rafforzare ancora di più la presenza di Psa Peugeot Citroen in Cina contribuendo allo sviluppo di Dpca. La nuova filiale avrà anche per missione l’importazione dei veicoli che completano la gamma rinforzando l’immagine dei marchi Peugeot e Citroen.

    Articolo pubblicato sul sito repubblica.it in data 04/04/06

    ARTICOLI CORRELATI

    Ultime notizie