Lavoro ed Economia

Occupazione, incentivi per i disabili rivolti ai datori di lavoro

E' stato pubblicato il decreto 23/2015 del ministero del Lavoro e delle Politiche sociali (n° repertorio 343/2015), con cui si autorizza la spesa di  21.910.107 euro per il finanziamento delle agevolazioni relative alle assunzioni di disabili effettuate dai datori di lavoro privati nell’anno 2014. Il decreto definisce in dettaglio lo stanziamento, che deriva dal fondo per il diritto al lavoro dei disabili, e ripartisce i fondi tra le Regioni. Le agevolazioni consistono in una riduzione degli oneri contributivi. Il contributo è pari al 60 per cento del costo salariale lordo annuo per l’assunzione di lavoratori con una percentuale di invalidità non inferiore all’80 pe cent o minorazioni ascritte dalla prima alla terza categoria del testo unico in materia di pensioni di guerra, oppure, soggetti  con handicap psichico. Mentre il contributo è pari al 25 per cento del costo salariale annuo lordo, per l’assunzione di lavoratori con una percentuale di invalidità compresa tra il 67 e il 79 per cento o minorazioni ascritte dalla quarta alla sesta categoria del testo unico in materia di pensioni di guerra.  È previsto, inoltre, il rimborso forfettario parziale delle spese sostenute per l’adeguamento della postazione di lavoro dei disabili con una percentuale di invalidità superiore al 50 per cento o per l’apprestamento di tecnologie di telelavoro o la rimozione di barriere architettoniche. I benefici contributivi possono cumularsi, ma non eccedere il 100 per cento della contribuzione a carico del datore di lavoro.

 

Rubrica a cura di www.piueconomia.it

Commenta