Lavoro ed Economia

Nuove agevolazioni per le imprese giovanili e femminili

Nuova imprenditorialità, finalmente le nuove agevolazioni alle imprese giovanili e femminili di micro e piccola dimensione. A partire dal prossimo 13 gennaio 2016 infatti, sarà possibile inviare , esclusivamente per via elettronica, le domande di finanziamento, utilizzando la piattaforma messa a disposizione nel sito internet di Invitalia. L’agevolazione consiste in un finanziamento agevolato a tasso zero, della durata massima di 8 anni, a copertura di non più del 75 per cento delle spese. I programmi d’investimento devono prevedere spese non superiori a 1,5 milioni di euro. Beneficiari delle  agevolazioni sono le piccole e medie imprese, costituite in forma societaria,  in cui la maggioranza sia costituita dagiovani under 35 o donne.  E’ prevista la possibilità di presentazione della domanda di agevolazione anche da parte di persone fisiche non ancora costituite in forma societaria.
 

Ammissibili alle agevolazioni in pratica tutti i settori, ovvero:
 

·         industria, artigianato, trasformazione di prodotti agricoli

·         fornitura di servizi alle imprese e alle persone

·         commercio di beni e servizi.
 

Il Ministero dello Sviluppo Economico ha inoltre individuato  due settori di particolare rilevanza per lo sviluppo dell’imprenditorialità giovanile e femminile, riguardanti:
 

·         le attività turistico-culturali, intese come attività finalizzate alla valorizzazione e alla fruizione del patrimonio culturale, ambientale e paesaggistico, nonché al miglioramento dei servizi per la ricettività e l’accoglienza;
 

·         l’innovazione sociale, intesa come produzione di beni e fornitura di servizi che creano nuove relazioni sociali ovvero soddisfano nuovi bisogni sociali, anche attraverso soluzioni innovative.
 

Sono ammissibili le spese relative all’acquisto di beni materiali e immateriali e servizi necessari alla finalità del programma di investimento, ovvero:
 

·         suolo aziendale, fabbricati, opere edili e murarie, comprese le ristrutturazioni
 

·         macchinari, impianti, attrezzature, programmi informatici
 

·         brevetti, licenze, marchi
 

·         formazione specialistica dei soci e dei dipendenti dell’impresa, consulenze specialistiche.
 

La procedura di valutazione è “a sportello” nel senso che le domande vengono valutate secondo l’ordine cronologico di arrivo. L’iter di valutazione consiste in un esame di merito, comprendente un colloquio con i proponenti,  finalizzato ad approfondire tutti gli aspetti del piano di impresa ed in particolare le competenze dei proponenti, l’introduzione di soluzioni innovative sotto il profilo organizzativo, produttivo o commerciale, la sostenibilità economica e finanziaria dell’iniziativa. Per maggiori informazioni sul bando, per assistenza alla compilazione dell’istanza e per le corrette modalità di presentazione della stessa è possibile contattare lo studio della dottoressa Flavia Stanco, in via Partenio, 50 ad Avellino (studiostanco@gmail.com).

 

Rubrica a cura di www.piueconomia.com 

Commenta