10.9 C
Napoli
giovedì, 18 Aprile 2024
  • Autopromotec 2007 fa il pieno anche di visitatori


    COMUNICATO STAMPA


    Il consuntivo della più specializzata fiera internazionale dell’aftermarket automobilistico. Sono state centrate in pieno le previsioni degli organizzatori sull’andamento di Autopromotec 2007, la più specializzata esposizione mondiale dedicata ad attrezzature e prodotti per l’assistenza ai mezzi di trasporto, che si è chiusa domenica 27 maggio. I visitatori che hanno raggiunto il quartiere fieristico di Bologna durante i cinque giorni dell’evento sono stati 99.182 (+6,6% rispetto alla scorsa edizione), di cui 16.806 provenienti dall’estero (7,9% in più del 2005) da oltre 110 paesi. La crescita è stataraggiunta pur mantenendo estremamente elevato il grado di selettività degli operatori, sia espositori che visitatori. Tali risultati sono la bussola per lo sviluppo della manifestazione nel futuro, in cui si continuerà a puntare su un sempre maggiore grado di internazionalizzazione, constatato che il mercato nazionale degli specialisti dell’autoriparazione, analizzando i numeri, risulta praticamente saturato. Infatti, le aziende coinvolte nel settore dell’autoriparazione in Italia sono 84.500, ed i visitatori nazionali di Autopromotec sono stati 82.376. Diverso il quadro sul piano internazionale dove la forte crescita dei visitatori e il notevole incremento di espositori esteri (500 in totale, + 47% sul 2005) registrato in questa edizione di Autopromotec spiega come i confini sul piano internazionale possano essere ulteriormente allargati. Entrando nello specifico del mercato nazionale, il complesso delle aziende di autoriparazione è per il 52,3% collocato al nord, per il 21,4% al centro, per il 17,0% al sud e per il 9,4% nelle isole. E’ sorprendente constatare che, se confrontiamo questi dati con quelli dei visitatori nazionali ad Autopromotec 2007 (vedi tabella), rileviamo che le quote di partecipazione corrispondono in modo quasi satto alla distribuzione territoriale degli autoripatori in Italia. Una rappresentatività pressoché perfetta dunque, favorita dalla posizione baricentrica di Bologna e del suo quartiere fieristico, che facilita la copertura del territorio nazionale ed ha reso Bologna nel tempo la capitale delle fiere automotive, anche grazie al fatto di essere nel cuore di un territorio unico ed inimitabile per la sua lunga tradizione motoristica.


    Composizione percentuale di autoriparatori italiani e visitatori italiani di Autopromotec 2007 Autoriparatori in Italia                                Visitatori italiani ad Autopromotec 2007


    Nord 52,3%                                                                          54,5%


    Centro 21,4%                                                                       20,1%


    Sud 17,0%                                                                           16,4%


    Isole 9,4%                                                                            9,0%


    Totale 100,0%                                                                    100,0%


    Fonte: Osservatorio Autopromotec


    L’obiettivo degli organizzatori resta tuttavia legato essenzialmente alla qualità dei visitatori, che hanno riconosciuto come utopromotec sia una manifestazione dove realmente, ancora oggi, oltre allo sviluppo del brand e alla comunicazione, si creano effettivi contatti d’affari: una stima dell’Osservatorio Autopromotec sul fatturato indotto dalla rassegna, lo valuta in 980 milioni di euro. Importante è poi la crescita degli espositori che sono stati 1.404 (contro i 1.107 della scorsa edizione, +26,8%) di cui 500 esteri, ben l 35,6% sul totale generale. La filosofia espositiva alla base di Autopromotec è particolarmente apprezzata proprio sul piano internazionale, ambito che ha registrato il maggiore incremento sia in termini di espositori che di visitatori rispetto all’edizione 2005.  Germania, Gran Bretagna, Stati Uniti, Francia, Olanda e Spagna i paesi più rappresentati. Le aziende naturalmente hanno fatto la loro parte, portando in fiera il meglio delle innovazioni del settore, spesso arricchito da allestimenti dallo stile difficilmente riscontrabile altrove. Molto elevata la presenza di giornalisti specializzati, che in 211 (dei quali quasi la metà esteri) si sono registrati presso l’ufficio stampa, a cui si aggiungono i giornalisti dei media generalisti che hanno dato ampio risalto alla rassegna, con livelli di visibilità mai raggiunti in passato. Anche la convegnistica è stata densa di appuntamenti, e ciò non solo grazie a manifestazioni internazionali promosse da diverse associazioni, ma anche ad eventi organizzati dagli stessi espositori che hanno invitato ad Autopromotec la loro clientela attraverso iniziative che hanno raggiunto picchi di 600 partecipanti, inducendo gli organizzatori ad allestire ulteriori spazi rispetto a quelli previsti dal quartiere fieristico. Appare certamente stimolante il lavoro che attende l’organizzazione per le prossime scadenze: sono numerose infatti le associazioni e le manifestazioni estere che, condividendo i principi ispiratori di Autopromotec, desiderano stabilire relazioni e forme di collaborazione reciproca, con intese che verranno comunicate man mano che matureranno, per rendere Autopromotec ed i suoi principi sempre più presenti e forti nel mondo. Con queste cifre Bologna si laurea capitale dell’aftermarket automobilistico, settore trainante dell’economia italiana. L’alta specializzazione di Autopromotec 2007 si è rivelata un fattore competitivo decisivo: il panorama fieristico internazionale, infatti, è molto affollato e gli espositori si stanno orientando verso i soli eventi che permettono loro di arricchire l’offerta di servizi nei confronti del cliente.  La prossima edizione di Autopromotec, con ulteriori importanti novità, avrà luogo sempre a Bologna dal 20 al 24 maggio 2009.


    Articolo pubblicato su Newsletter Autopromotec (giugno 2007)


    ARTICOLI CORRELATI

    Ultime notizie