Interviste

Sogefi in pole position nella componentistica automotive

DI STEFANO BELFIORE

 

Il settore della componentistica auto si nutre di continua innovazione. E’ un ingrediente che alimenta il serbatoio manageriale di aziende che pensano, progettano e realizzano significativi tasselli tecnologici che vanno poi a comporre il puzzle di car sempre più moderne ed all'avanguardia. Il case study che, questa volta, vi raccontiamo rispecchia pienamente questa tendenza. Tecnologia, innovazione, qualità ed un eccellente time to market rendono oggi Sogefi uno dei più importanti brand mondiali operante nella componentistica automotive per il primo impianto e l’aftermarket. Non a caso il Gruppo, fondato in Italia nel 1980, è stato insignito da General Motors del riconoscimento di “Fornitore dell’Anno 2013” per i sistemi motore. All’interno dell’assetto d’impresa, l’aftermarket business unit è tra i maggiori fornitori di filtri per autoveicoli in Europa sia per il mercato del ricambio originale che per quello indipendente. A dirigerla è il general manager Andrea Taschini (nella foto) che ad Inforicambi spiega il successo della divisione aziendale. E svela le rotte future. Quelle, in pratica, che ogni realtà produttiva che si rispetti desidera raggiungere per cavalcare ambizioni di crescita sempre più significative. In questo caso, si guarda quest’anno all’Italia con il marchio Sogefi Pro “appositamente sviluppato da Sogefi  - dice -  per il mercato heavy duty dei camion e degli autobus”.

 

Partiamo da questo dato. Nove delle dieci auto più vendute in Italia montano un’ampia gamma di componenti Sogefi. Quali sono i principali motivi per cui importanti case automobilistiche europee scelgono le vostre soluzioni?

La partnership che lega il Gruppo Sogefi ai principali costruttori del settore automotive dura ormai da molto tempo. Negli anni, infatti, siamo riusciti ad instaurare con le più importanti case automobilistiche mondiali un forte legame di fiducia reciproca. Solo per citare un esempio, abbiamo recentemente ricevuto da General Motors il riconoscimento di Fornitore dell'Anno 2013 per i sistemi motore. Premio riservato ai fornitori in grado di garantire tecnologie innovative, qualità superiore, ottimi livelli di servizio e soluzioni competitive. Attualmente il nostro Gruppo è riconosciuto dal mercato quale fornitore di prodotti di elevata qualità, tecnologicamente innovativi e affidabili, capaci di migliorare la qualità e le performance dei veicoli ma anche di favorire un minor consumo di carburante e la riduzione delle emissioni di CO2. Alla base di questa consapevolezza c’è la strategia di Sogefi che ha da sempre rivolto un impegno prioritario al settore Ricerca e Sviluppo.
 

Caliamoci ora nell’universo del post vendita automotive. Nel Gruppo, lei dirige l’aftermarket business unit che è tra i maggiori fornitori di filtri per autoveicoli in Europa, sia per il mercato del ricambio originale sia per quello indipendente. Come si è giunti a questa posizione di mercato?

La capacità del Gruppo Sogefi di imporsi sul mercato OEM si riflette nella posizione leader di Sogefi come fornitore aftermarket di componenti per la filtrazione dell’aria, filtri abitacolo, olio e carburante a marchi Tecnocar, Purflux, Fram e CoopersFiaam. I nostri clienti aftermarket beneficiano infatti di questa forte expertise che si trasforma in una costante e tempestiva introduzione sul mercato di prodotti innovativi per i modelli di veicoli più recenti (eccellente time to market), realizzati secondo le stesse specifiche di quelli destinati al Primo Equipaggiamento e sulle stesse linee di produzione dei prodotti destinati ai costruttori. Una garanzia in termini di prestazioni, affidabilità e durata.
 

Una significativa occasione, nel segmento dell’aftermarket, è data dai filtri abitacolo le cui vendite stanno crescendo notevolmente. In questo specifico campo, Sogefi che soluzioni offre?

Come ha giustamente evidenziato, la domanda di filtri abitacolo nel mercato del ricambio sta crescendo notevolmente. Come conseguenza del fatto che i filtri abitacolo sono oggi montati in Primo Impianto su quasi ogni nuova auto, a prescindere che sia dotata o meno di impianto di condizionamento, e della crescente sensibilizzazione del pubblico verso i pericoli dell'inquinamento ambientale e dei benefici che la sostituzione frequente dei filtri genera per la salute.  Per chi vuole cogliere le opportunità di crescita offerte dai filtri abitacolo, Sogefi offre con i marchi Tecnocar, Fram, CoopersFiaam e Purflux un portafoglio completo di circa 300 tipi di filtri abitacolo ad elevate prestazioni (con un incremento di 50 codici solo nel 2013), con un’imponente copertura del 95 per cento del circolante europeo.
 

Quali sono le tipologie di filtri?

Sono due. L’anti-polline che trattiene tutte le particelle di dimensioni superiori a 40 micron, compresi batteri, pollini e gas di scarico, ed il carbone attivo che utilizza uno strato di carbone attivo posizionato tra due strati di tessuto non tessuto per trattenere gli odori e le particelle. Proprio per i filtri abitacolo, e in linea con l’impegno volto a una leadership di mercato basata sull'innovazione, abbiamo recentemente sviluppato un innovativo imballaggio caratterizzato da un materiale più ecologico (privo di carta e 100% riciclabile), trasparente per rendere più facile l'identificazione del prodotto, e da imballi più resistenti (a prova di polvere e impermeabili) che richiedono meno spazio di stoccaggio in magazzino.
 

Invece, per garantire prestazioni ottimali al motore, qual è la tecnologia dei filtri aria adoperata dall’azienda?

I filtri aria Sogefi, la gamma di filtri più ampia del Gruppo, con oltre 500 codici a copertura del 98 per cento del parco circolante, sono progettati per rimuovere le sostanze contaminanti. In questo modo si contribuisce alla protezione del motore e all'ottimizzazione delle sue prestazioni e del consumo di carburante, riducendo al minimo l'inquinamento ambientale. I fattori fondamentali che caratterizzano la tecnologia utilizzata da Sogefi per la realizzazione dei propri filtri aria sono la superficie di filtrazione, la qualità del media filtrante e il modo in cui è pieghettato al fine di garantire un flusso ottimale. I media utilizzati sono resistenti agli urti e alle vibrazioni, prodotti in materiali riciclabili e, quando richiesto, ignifughi. Un filtro aria Sogefi di qualità OE contribuisce, inoltre, a ridurre i rumori dovuti all'aspirazione dell’aria e a prevenire l'aspirazione di acqua. Proprio perché l'aspirazione dell'aria in una vettura gioca un ruolo fondamentale, raccomandiamo agli automobilisti di sostituire il filtro aria ogni 2 anni o 30mila chilometri. E più frequentemente in caso di veicoli utilizzati nel traffico urbano, utilizzando unicamente ricambi di qualità OE.
 

Su quali novità sta lavorando ora la sua business unit? Quali risultati si intendono raggiungere per il 2014?

Per quanto riguarda il mercato italiano vogliamo consolidare quanto di positivo abbiamo raggiunto negli ultimi anni, rafforzando la nostra posizione sul mercato. Per fare questo stiamo investendo nel team e nella ricerca di prodotto per garantire ai nostri clienti la gamma più ottimizzata ed aggiornata ed il miglior supporto possibile. Uno degli obiettivi per il 2014 è, inoltre, quello di continuare a crescere anche in Italia con Sogefi Pro. Il marchio appositamente sviluppato da Sogefi per il mercato heavy duty dei camion e degli autobus. Il potenziale è importante e siamo convinti che la nostra offerta possa essere la soluzione migliore per le aziende che vogliono poter contare su un partner solido e vincente.

Commenta