Automotive

Nuova Renault Koleos: arriva l'Euro 6d-temp

Renault Koleos realtà importante nell'ambito del segmento dei grandi SUV, conquista nuovi consensi con il suo stile rinnovato e l'attenzione per il comfort. 

Non a caso come emerge da precisi report di mercato è proprio il design e dunque l'indubbio stile , il primo criterio di riferimento per gli acquirenti della Nuova Renault Koleos.

Per ciò che concerne la parte anteriore, molto interessante è la griglia della calandra che presenta rilievi più evidenti.

Le cromature che si sviluppano per l'intera lunghezza del paraurti sino fino ai proiettori fendinebbia.

Sui paraurti risaltano i nuovi ski, al posteriore vale il discorso già fatto per l'anteriore con tanto slancio.

Si nota la terza luce di stop che assume una forma allungata.

Nonostante l'evidente eleganza, la Nuova Koleos conserva il doppio terminale di scarico che la rende anche sportiva.

Veniamo ora agli interni, questo SUV è stato progettato per garantire la piena vivibilità ai suoi passeggeri. 

I sedili sono il top di settore, grazie ai cuscini regolabili, le regolazioni elettriche a sei vie e lombari ed alla funzione di riscaldamento e ventilazione.

Disponibile per il guidatore anche la funzione massaggio. 

Come premesso tanto stile e comfort, ma altrettanta qualità in termini di prestazioni.

La Nuova Renault Koleos presenta nuova generazione di motori Blue dCi Renault caratterizzati da un sistema di riduzione catalitica selettiva, che consente di abbattere le emissioni di particolati fini senza alcun impatto a livello di performance.

I motori Blue dCi di Nuovo Koleos sono associati a una trasmissione automatica X-Tronic 

Una menzione merita infine la tecnologia.

Basti pensare ai dispositivi di assistenza alla guida (ADAS) arricchita nel 2018 con l'Adaptive Cruise Control (ACC) di serie su tutte le versioni e il sistema di rilevamento della stanchezza del conducente (UTA).

A seconda delle versioni disponibili anche i fari a LED Pure Vision che possono fungere anche da abbaglianti e anabbaglianti. 

Marco Lasala 

Commenta