Automotive

Gli utensili realizzati con la stampante 3D semplificano la produzione di auto in Opel

Ad alcuni potrà sembrare ancora un mondo lontano. Ma in Opel fa già parte della vita di tutti i giorni: gli utensili di assemblaggio prodotti con la stampante 3D costituiscono una parte sempre più importante del processo di produzione. Un team di sei persone guidato dal Virtual Simulation Engineer Sascha Holl stampa a Rüsselsheim utensili in plastica che vengono utilizzati negli stabilimenti di produzione Opel di tutta Europa. Meno costosi e più rapidi da produrre, questi utensili vengono adoperati ad Eisenach per la produzione di Adam e del nuovo Adam Rocks. Ma questo è solo l’inizio: gli esperti Opel prevedono che l’uso di utensili realizzati con la stampante 3D continuerà ad aumentare. “In futuro, nel processo di produzione sarà inserito un numero sempre maggiore di utensili realizzati con la stampa in 3D” spiega Holl. Per la produzione di Adam Rocks, il cui lancio è previsto per settembre, lo stabilimento di Eisenach utilizza una sagoma  (una forma fissa e predeterminata) realizzata da una stampante 3D per posizionare il logo con il nome della vettura sul finestrino laterale. E per il parabrezza viene utilizzata una guida stampata in 3D per semplificare il processo di montaggio e garantire un allineamento preciso. Altri strumenti realizzati con la stampante sono utilizzati per fissare il battitacco cromato sulle portiere di Adam Rocks e per installare la capote in tela Swing Top di serie. In totale ad Eisenach si utilizzano circa 40 strumenti e utensili di montaggio di questo tipo. Questi attrezzi sono stati sviluppati al computer durante la fase di sviluppo di Adam Rocks. 

Commenta