Automotive

BMW: avanti a tutta elettrificazione

BMW punta forte sull'elettrificazione della gamma, presentando al Salone dell'Automobile di Ginevra 2019 diverse novità.

La riprova di questa attenzione per il mondo elettrico è il lancio sul mercato di un ulteriore Sports Activity Vehicle (SAV) con motore elettrico. 

La BMW X3 vedrà anche una versione ibrida plug-in a partire dal dicembre 2019, rendendola il primo modello del marchio ad essere offerto sia con un motore a combustione convenzionale sia con un sistema ibrido plug-in.

Va ricordato che BMW è già pioniera nel mondo dell'elettrificazione: con una quota di mercato superiore al 9%, l'azienda è al primo posto nella classifica mondiale dei produttori premium di veicoli totalmente elettrici. 

Al Salone Internazionale la BMW X3 xDrive30e conquista l'attenzione generale, riuscendo a sintetizzare dinamicità e sportitività con consumi di carburante ed emissioni di scarico estremamente bassi.

Raggiunge un'autonomia di 50 chilometri. Il sistema ibrido plug-in è costituito da un motore a benzina a 4 cilindri con tecnologia BMW TwinPower Turbo e un motore elettrico. 

Successo annunciato ance per la nuova BMW 330e berlina che vanta un aumento dell'autonomia elettrica ed un livello di consumo di carburante ridotto a 1,7 litri per 100 chilometri.

La nuova BMW X5 xDrive45e si presenta dotata di un motore benzina a 6 cilindri in linea,abbinato a un motore elettrico, con una potenza che è ora aumentata a 290 kW/394 CV.  

La sua autonomia elettrica è ora di circa 80 chilometri.

La sua tecnologia di azionamento ibrido plug-in progressivo riduce il consumo di carburante combinato fino a 2,1 litri per 100 chilometri  e le emissioni di CO2 fino a 49 grammi per chilometro.

Gli ultimi progressi nel campo della tecnologia delle celle della batteria hanno portato anche alla maggiore autonomia della guida senza emissioni nei modelli ibridi plug-in della BMW Serie 5 e BMW Serie 2

Il processo è dunque globale ed estremamente veloce e BMW è già pronta per ogni nuova sfida.

Marco Lasala 
.

Commenta