Automotive

L’auto del futuro parla italiano

Auto elettricaL’auto del futuro si guiderà da sola, sarà ecologica e silenziosa ma soprattutto sarà costruita con tecnologia italiana: merito della torinese CPM che diventa sempre più un punto di riferimento anche per i produttori di auto ibride ed elettriche di tutto il mondo. Spazi ridotti, linee di montaggio più compatte e con un elevato contenuto tecnologico- E, soprattutto, la possibilità di inserire nuovi modelli di segmento diverso senza che sia necessario stravolgere le linee. Ma anzi cambiando in velocità il layout della fabbrica, sono d'altra parte i cardini della rivoluzione tecnologica concepita dall’azienda torinese. L’impresa ha infatti messo a punto sistemi modulari e flessibili per l’assemblaggio delle vetture che ottimizzano la produzione con un altissimo grado di efficienza e di qualità di ogni singolo step produttivo.
Le linee TTS  (Twin Trolley System) e Flex Decking sono così diventate standard di riferimento a livello internazionale per i grandi costruttori d'auto mondiali. D'altronde CPM da tempo ormai lavora secondo i principi della cosiddetta Fabbrica 4.0 per la realizzare la smart factory: la fabbrica intelligente dove il controllo di tutti gli impianti coinvolti nel processo produttivo avviene in tempo reale, da un capo all’altro del mondo, e dove ogni singola operazione può essere verificata tramite un sistema di analisi dei Big Data prodotti in stabilimento.

Commenta