Automotive

Asconauto: 2015 un anno di successo

Volume d’affari per un valore di oltre 451 milioni di euro (dati al 31-12-2015) e una crescita costante, pari al 13,4 per cento sull’anno precedente, testimoniano il successo dell’originale progetto associativo di AsConAuto: Associazione Nazionale Consorzi Concessionari Auto che ha saputo creare un modello distributivo innovativo, con un rapporto diretto e fidelizzato con la rete di autofficine servite commercialmente.  Come  rileva il presidente dell'Associazione, Fabrizio Guidi: “Il nostro futuro va visto in modo differente, utilizzando nuovi strumenti, perché il modo di lavorare è cambiato in modo significativo. Ormai le nostre sedi sono solo un punto di arrivo per il rapporto con il cliente. La comunicazione su Internet, il contatto tramite call center  sono diventati il pane quotidiano che precede e accompagna la firma del contratto. I clienti hanno scoperto sulla rete, un mondo nuovo che offre un’ampia possibilità di confronto e di consulenza sulle scelte. Gli otto anni che ci lasciamo alle spalle hanno visto la chiusura del 40 per cento della rete dei Concessionari. Troppi, anche perché molti non hanno potuto o saputo affrontare con rapidità il cambiamento in atto. Noi, che siamo proprietà degli 821 Concessionari, soci dei nostri 20 Consorzi, siamo andati avanti, sviluppando ogni anno il fatturato per i nostri autoriparatori, che ormai sono 16.632. E il 2015  ha visto, ancora una volta, il volume d’affari fare un balzo in avanti del 13,4 per cento  con un  risultato che ha superato i 451 milioni di euro di ricambi originali fatturati”“Il supporto fornito dai ricambi è  una parte essenziale del business dei dealer e lo sarà sempre di più, così come tutto il post-vendita - continua Guidi -.  I Consorzi dei Concessionari hanno dato un contributo essenziale al riguardo, diffondendosi sul territorio nazionale, portando i concessionari a riflettere insieme su sinergie e risparmi, parlando di numeri, di previsioni e di risultati, accrescendo offerte e strumenti a disposizione, lavorando sulla fidelizzazione della clientela degli autoriparatori clienti. Le concessionarie più proiettate nel futuro hanno letto da tempo i dati e verificato dove si sarebbero create le marginalità in grado di sostituire quelle sulla vendita del nuovo. Ma, ormai, l’attenzione al post-vendita e l’offerta di servizi sono irrinunciabili”.  La valorizzazione di sinergie tra i Consorzi e la creazione  di un rapporto diretto ha favorito la formazione da parte di AsConAuto di un polo imprenditoriale  che consente  risultati economici di eccezione in un mercato molto difficile e  di reale criticità,  grazie a una significativa vocazione alla innovazione e alla  creazione di una serie di strumenti originali  e di nuovi  servizi - messi a disposizione dall’Associazione - per ottimizzare le risorse esistenti presso ogni concessionaria tanto da garantire sul territorio la presenza del maggior numero possibile di marchi automobilistici in modo capillare. AsConAuto, infatti, aggrega Consorzi, organizzati su base territoriale, formati dalle Concessionarie che hanno come obiettivo una gestione delle vendite di ricambi originali, efficace ed efficiente, a officine e a carrozzerie indipendenti. 

 

 

Commenta