Automotive

Tra cinque anni il 18% degli automobilisti comprerà auto solo online

Acquisto auto onlineGrazie ad un’analisi sviluppata da Motork e presentata in occasione dell’evento dedicato al digital automotive IABInternet Motors, è stato dichiarato che tra cinque anni il 18 per cento degli automobilisti europei comprerà auto online, il 79 per cento opterà per un approccio a metà tra il web e la visita presso la concessionaria, il restante 3 per cento rimarrà fedele al rapporto con il rivenditore in carne ed ossa.

La ricerca svolta da MotorK (azienda italiana che sta portando e guidando l’innovazione della distribuzione auto in Europa) si basa sui risultati dei cinque paesi in cui opera e dunque tra Italia, Spagna, Germania, Francia e Gran Bretagna. Si è proceduto unendo e incrociando i differenti ritmi di crescita dei processi di digitalizzazione delle concessionarie e quelli che sono gli atteggiamenti dei potenziali acquirenti nelle varie fasi d'acquisto (ricerca informazioni, richiesta preventivo, trattativa ed eventuale acquisto finale).

“I concessionari hanno il tempo e gli strumenti necessari per affrontare questo epocale cambiamento di paradigma. - Spiega Marco Marlia, fondatore e Ceo di MotorK - Il cliente sta chiedendo una semplificazione dell’esperienza, un sistema di post vendita con alti livelli di servizio e una maggiore flessibilità relativa al prodotto. Nei prossimi cinque anni dovremo lavorare assieme ai dealer per garantire un compiuto processo di digitalizzazione, più che necessario per intercettare quel 79% di utenti che non si negheranno l’esperienza offline”.

Nel 2018, secondo la ricerca Nielsen, gli investimenti in digital advertising si incrementeranno del 9,4 per cento rispetto al 2017.

“Vedere come la tecnologia sta trasformando l’acquisto di un bene come l’auto, storicamente molto legato a elementi tangibili come la visita in concessionaria o la prova su strada della macchina, ci dimostra ancora una volta quanto il digitale influenzi radicalmente ogni ambito della vita quotidiana. – Dichiara Daniele Sesini, Direttore Generale di IAB Italia - Diventa sempre più importante, quindi, che tutti i player del digital advertising operino in un’ottica di evoluzione continua del mercato, riuscendo ad utilizzare le nuove tecnologie per andare incontro alle attuali e future esigenze dei consumatori, e per comunicare in modo sempre più efficace”.

Costanza Tagliamonte

Commenta