Accessori e tecnologia

Il futuro della mobilità ha un nome per Bosch: "Vision Zero"

"Zero incidenti, zero emissioni e zero stress: sono questi i nostri obiettivi per la mobilità del futuro". Parola di Volkmar Denner, Ceo di Bosch. Il Gruppo, impegnato fortemente sui fronti della guida autonoma e della manutenzione predittiva, punta alla ‘Vision Zero’ per la mobilità del futuro. “Dal punto di vista tecnologico – prosegue -  significa automazione, elettrificazione e connettività. Bosch sarà fra i principali fornitori di soluzioni per la mobilità con una posizione di leadership anche nell'elettromobilità". Bosch sta svolgendo un'intensa attività di ricerca per rivoluzionare la tecnologia per batterie, rendendo economicamente accessibile a tutti la guida elettrica. Nella sua sede di Feuerbach a Stoccarda, l'azienda ha creato un campus in cui ha raggruppato le sue attività di sviluppo relative alle singole celle per batterie e ai pacchi batterie. Insieme a ricercatori, 300 tecnici stanno lavorando per rendere le future tecnologie pronte per la produzione industriale. Ogni anno, Bosch investe circa 400 milioni di euro nell'elettromobilità. Con la sua ampia gamma di componenti come motori elettrici, inverter e batterie, Bosch si è già aggiudicata 30 contratti. "Possediamo tutti i componenti fondamentali per la guida elettrica. Siamo attivi su tutti i mercati. I nostri clienti sono le tradizionali case automobilistiche e nuovi protagonisti del mercato" conclude Denner. Altro terreno importante su cui Bosch continuerà ad investire  è motore a combustione. L’obiettivo è migliorarlo con carburanti sintetici o "synfuel" così che questi propulsori siano in grado preservare le risorse e non produrre emissioni di CO2. Nel 2025, si stima che oltre l'80 per cento dei nuovi veicoli utilizzerà ancora motori a combustione. Ma anche questi potranno contribuire in modo significativo a ridurre il riscaldamento globale.

 

Commenta