Accessori e tecnologia

Adrenalina pura con Citroën

La Citroën, nota casa di produzione francese, lancia Citroën Unconventional Team, otto campioni italiani sono stati reclutati per utilizzare, durante le loro imprese sportive, i veicoli Citroën.

Le discipline sono quelle che comprendono l’uso di tavole in acqua o in terra, quindi dal surf allo skateboard passando anche per il kite o lo snowboard.

Tutte le imprese saranno poi raccolte su di un sito appositamente predisposto (www.unconventionalteam.citroen.it), e i veicoli utilizzati saranno molteplici, la C4 Cactus RipCurl, utilizzata per gli sport d’acqua, il Jumpy, e la C4 Aircross, SUV ideale per gli sport invernali.

Gli otto gladiatori

Gli otto eroi che delizieranno il pubblico e porteranno avanti i valori offerti dalla casa francese sono:

Alessandro Marcianò, che da 20 anni pratica a livello agonistico il surf, probabilmente uno dei pochi surfisti italiani (o meglio al mondo) che hanno affrontato l’oceano atlantico e le sue spaventose onde.

Matteo Iachino, campione di windsurf e terzo classificato nella stagione del 2015;

Antonio Ciliberto, conosciuto come Tony Cili, rappresenterà il kitesurf;

Vittorio Malingri e Nico Malingri, i quali solcheranno mediterraneo e atlantico con il catamarano “Feel Good” , ideato e costruito personalmente;

Alberto Maffei, che pratica lo snowboard freestyle, giovane promessa della nazionale italiana;

Iuri Furdui, per lo skateboard;

Jacopo Carozzi, uno dei pochi skater italiani che compete con gli USA.

Una strategia 'non convenzionale' 

La scelta di Citroën di assoldare questi atleti per pubblicizzare il loro marchio conferma la strategia che da anni la casa automoblistica porta avanti promuovendo appunto il coraggio, la creatività e l’essere, appunto, non convenzionali.

La C4 Cactus Rip Curl incarna appunto i valori scritti sopra, un fuoristrada che è perfettamente adatto ad ogni tipo di terreno, dalla neve alla sabbia, garantendo sicurezza e aderenza.

Quale sarà l’esito di questa scommessa di Citroën e come rappresenteranno il marchio gli otto campioni selezionati?

A cura di: Massimo De Vivo.

Commenta