Sicurezza e salute

Strade italiane poco sicure per mancanza di manutenzione: 1 su 2 è a rischio

A fine 2015 il consumo di asfalto (conglomerato bituminoso) in Italia toccherà un nuovo record negativo: saranno state impiegate solo poco meno di 22 milioni di tonnellate per costruire e tenere in salute le nostre strade. Il dato è in leggero calo rispetto allo scorso anno, ma conferma il pericoloso trend degli ultimi 9 che ci hanno portato dalle 44 milioni di tonnellate utilizzate nel 2006 ad oggi. La situazione delle nostre strade è destinata quindi a degenerare drasticamente nei prossimi mesi al peggiorare delle condizioni meteorologiche. Negli ultimi 9 anni non state messe in opera 96 mln di tonnellate di asfalto. Oggi per riportare in sicurezza il nostro patrimonio stradale occorre un investimento straordinario in un piano di manutenzione da 50 miliardi di euro. Sono questi i principali elementi che emergono dall’analisi del  SITEB: l’Associazione dei costruttori e manutentori delle strade nel corso di Asphaltica World (salone europeo dedicato all’intera filiera dell’asfalto). I dati evidenziano come anche nel 2015 stia proseguendo la fase recessiva (ininterrotta da 9 anni), che ci ha portato dalle 44 milioni di tonnellate di asfalto alle circa 21,8 di quest’anno. Un nuovo record negativo che riporta indietro le lancette degli investimenti sul patrimonio stradale di quasi trent’anni. Allo stato attuale, per tenere in salute le nostre strade occorrerebbe impiegare almeno 40 milioni di tonnellate annue, ben 18 in più di quelle registrate negli ultimi due anni. Questo minore investimento ha prodotto come necessaria conseguenza che 1 strada su 2 non è in condizioni di sicurezza, quindi è a rischio incidente e il deficit di manutenzione delle nostre strade non si ferma qui.  Le conseguenze sono sotto i nostri occhi con buche, deformazioni, lesioni, sconnessioni dei piani stradali evidenti su quasi tutta la nostra rete viaria, con gravi ripercussioni sulla sicurezza degli utenti della strada. La situazione appare particolarmente drammatica sulle strade gestite da Comuni e Province, con alcune arterie provinciali addirittura chiuse al traffico perché troppo pericolose.  Secondo le stime del SITEB, dal 2006 al 2015, anche a causa del rispetto del Patto di Stabilità, gli Enti Gestori della rete stradale italiana non hanno messo in opera ben 96 milioni di tonnellate di asfalto necessarie a tenere in buona salute le nostre strade, per un valore complessivo pari a 9 miliardi di euro. SITEB stima che per rimettere in sicurezza il nostro patrimonio stradale, riportando gli investimenti al livello del 2006, sia oggi necessario investire tra i 40 e i 50 miliardi di euro. Un investimento decisamente elevato. Ma necessario per non vedere ulteriormente deteriorare il valore del patrimonio stradale italiano: una rete lunga oltre circa 500.000 Km (escludendo le strade vicinali e quelle non asfaltate), di cui 7.000 circa sono i km di autostrade e 25.000 i Km gestiti direttamente dall’ANAS per le cosiddette “strade di grande comunicazione”, il cui valore complessivo (con gallerie, ponti e viadotti) è stimato in 1.000 miliardi di euro.

Commenta