Ricambi auto

Vola sempre più in alto il business delle revisioni auto

Un utile di quasi mezzo miliardo di euro nella prima parte del 2015: in crescita del 5 per cento sullo stesso periodo del 2014. E’ il business che le revisioni auto hanno generato per le officine. Il dato è stato presentato da Dekra Italia (su un'analisi basata su dati Autopromotec) all’interno del convegno “La Capitale Automobile Service” tenutosi lo scorso 5 febbraio a Roma. Ma il trend di settore è più che positivo. E va oltre. Sono stati prodotti dei ricavi aggiuntivi per un altro miliardo, grazie agli interventi che si rendono necessari per mettere il veicolo in condizione di superare la revisione. Il summit è stata anche l’occasione giusto per fotografare l’attuale giro d’affari relativo all’acquisto di auto nuove: 29,4 i miliardi di euro spesi in Italia nel 2015 per comprare una quatto ruote. In pratica 4 miliardi in più del 2014. La stima è stata calcolata del Centro Studi Fleet&Mobility, elaborata sulla base dei dati a volume dell’Unrae e dei loro parametri proprietari, frutto dell’analisi sul mercato auto a valore che effettua dal 2006.

Privati

Il 62 per cento degli acquisti (pari a quasi 18,2 miliardi) è stato effettuato dai privati, segmento che include anche le Partite IVA, con un incremento sull’anno precedente di 2,9 miliardi, con un prezzo medio netto di acquisto pari a 17.989 euro.

Noleggio in crescita

La domanda dei noleggiatori è aumentata del 18 per cento passando dai 4,9 miliardi del 2014 a oltre 5,8 miliardi del 2015 (+900 milioni di euro di auto acquistate), e rappresenta il 20% del totale, con un prezzo medio netto di acquisto pari a 18.754 euro.

 

Articolo correlato: Revisioni, CNA Autoriparazione: “urgente adeguamento tariffe” 

Commenta