Ricambi auto

E con Osram arriva l’oled nell’automotive

Lo aveva annunciato l’ingegnere Roberto Barbieri, presidente di Osram Italia, in occasione dei festeggiamenti del mezzo secolo di storia traguardato recentemente dallo stabilimento trevigiano del Gruppo tedesco: “Osram giocherà un ruolo fondamentale nell’illuminazione” aveva detto ad ottobre. Ed è così. Lo specialista del lighting porta a casa un’importante commessa in primo impianto. Il tutto all’insegna dell’innovazione.  La nuova Audi TT RS vanta luci posteriori Oled (diodi organici a emissione di luce) prodotte da Osram: l'unica azienda attualmente in grado di applicare questa tecnologia al settore automotive. Entusiasta Hans-Joachim Schwabe, Ceo della Business Unit Specialty Lighting: “Ci fa molto piacere constatare che gli Oled installati sulla nuova Audi TT RS sono utilizzati nella produzione su larga scala”

Caratteristiche degli Oled

Suddivisi in tre segmenti (2 esterni e 1 interno) individualmente controllabili. Ciò consente di mixare funzioni diverse. I segmenti esterni, infatti, sono sempre in funzione per supportare l'illuminazione posteriore. Mentre il segmento interno si aggiunge come luce di arresto. I diodi organici, inoltre, permettono di realizzare animazioni dinamiche all'apertura e alla chiusura del veicolo, i cosiddetti scenari "coming/leaving home".

I fanali

Ogni fanale posteriore monta 4 Oled per una superficie complessiva di 49 centimetri uadri e una luminosità di 1000 cd/m2, sotto forma di modulo su supporto con schermo a specchio per offrire una visibilità ottimale.

Oled: la luce del futuro

I sottili strati degli oled sono composti da materiali organici posti tra elettrodi piatti che fungono da contatti elettrici. Il passaggio della corrente genera i fotoni e, quindi, l'emissione luminosa. Essendo sottilissimi, gli oled sono perfetti per le soluzioni che richiedono un'elevata flessibilità. Oltre ad essere straordinariamente flessibile, la tecnologia Oled consuma pochissima energia con grandi vantaggi per l'industria automobilistica.

 

 

Commenta