Ricambi auto

FIAMM prende il volo con Hitachi

Fiamm443 milioni di euro. E’ il fatturato con cui Fiamm Energy Technology, storico marchio nella produzione di batterie per il settore automotive e industriale, chiude l’anno finanziario 2017-2018. L’azienda vicentina è stata acquisita l’anno scorso da Hitachi Chemical che detiene il 51 per cento delle quote mentre il 49 per cento è rimasto a Fiamm. L’obiettivo della NewCo è presidiare in modo più strutturato il mercato europeo delle batterie al piombo in cui Fiamm è un big player, utilizzando nuove tecnologie e inserendo a catalogo nuovi prodotti in un settore sempre più strategico per il futuro come quello energetico dove Hitachi Chemical ha consolidato grande expertise. Per Alessandro Mio, Group HR & Corporate Communication Director, “Si è cercato un partner industriale non troppo presente in Europa per salvaguardare l’autonomia del gruppo italiano , seppure in un contesto più vasto,  e di consentirne lo sviluppo. Fiamm Energy Technology ha mantenuto il proprio Dna tricolore, ma gode del vantaggio di essere sostenuta da un’azienda con le spalle più larghe”.

Obiettivi attuali

Nel nuovo anno si punta all’ottimizzazione del processo di integrazione tra le due realtà attraverso la realizzazione di sinergie tra business diversi dando spazio alla ricerca sui nuovi prodotti al litio, per i quali verranno messe a frutto le avanzate tecnologie di Hitachi Chemical. Nel contempo è prevista la prosecuzione dello sviluppo di nuovi modelli di batterie al piombo, di matrice italiana, che verranno immessi sul mercato asiatico da Hitachi Chemical. Il modello piombo-acido è una tecnologia consolidata e considerata sicura, il materiale è inoltre riciclabile al 99 per cento. Con il tempo, la richiesta del mercato si sposterà verso il litio ma il piombo è ancora una risorsa anche in ambito industriale.

 

Commenta