Ricambi auto

Evitare il traffico, si può: arriva “Gpspeed”

Come evitare ingorghi, trovando sùbito un percorso alternativo. Da oggi, questo non è più un sogno per l’automobilista. Nasce “Gpspeed”: la nuova piattaforma, concepita dal centro di ricerca internazionale CREATE-NET, che vince  il premio per la miglior tecnologia digitale trasversale. Riconoscimento conferito da una giuria di esperti nell'ambito della manifestazione “ICT Days 2014” tenutasi di recente a Trento. Tra le 15 tecnologie made in trentino presentate ad un pubblico eterogeneo e curioso, una commissione composta da 5 esperti ha infatti premiato il progetto “GPSpeed” perchè considerato “più interdisciplinare, innovativo ed in grado di portare il Trentino a livelli di eccellenza nella ricerca”. In sostanza, “GPSpeed” permette di raccogliere e analizzare enormi quantità di dati relativi alla mobilità catturati attraverso un qualunque dispositivo dotato di gps, come ad esempio applicazioni mobili , taxi ed autobus. Le informazioni vengono poi eleboarate dalla piattaformaza e possono essere visualizzate in automatico sullo smartphone, adoperandole dunque per indeficare un percorso viario alternativo in caso di traffico. Circa 10mila i percorsi memorizzati ad ora in Trenitno e nelle città di Milano, Helsinki e Barcellona. La piattaforma è stata sviluppata nell'ambito del progetto europeo Superhub. E sarà a breve  testata in quattro città Europee: Trento, Milano , Barcellona e Helsinki. Il piano è quello di estendere ulteriormente la piattaforma, integrando altri dati rilevanti per comprendere la mobilità in ambito urbano (come il meteo), prima di procedere alla sua commercializzazione. Un maggior numero di dati consentirebbe, infatti, alla piattaforma di fornire informazioni dettagliate e consigli personalizzati sui comportamenti di guida per convincere gli utenti ad acquisire comportamenti green come l'utilizzo di mezzi pubblici.

Commenta