Ricambi auto

Batteria scarica: come collegare i cavi






 

 

 

 

 

 

 

 

 

 


Batteria auto scarica? Se trovate una seconda vettura e avete una coppia di cavi, potete ricaricarla! Ricordatevi di spegnere entrambe le auto prima di cominciare e di collegare una estremità del cavo nero al polo negativo della batteria (dell'auto con la batteria carica) e l'altra estremità al telaio della macchina scarica!”. Così consiglia il post di Magneti Marelli Checkstar sulla propria pagina facebook. Nel video di spiegazione di come collegare i cavi (http://www.checkstar24.it/video/batteriascaricacomecollegareicavi/707/utm_source=facebook&utm_medium=
makingsocial&utm_campaig=facebook_posting_activity
), si illustrano, nel dettaglio, prima le cause che provocano il problema. Come, ad esempio, la dispersione di corrente, l’alternatore che non carica più o semplicemente l’aver dimenticato di spegnere i fari. Diverse, poi, le metodologie per rimettere in moto la propria auto. La più nota è quella dell’utilizzo dei cavi. Prima di avviare l’operazione, è necessario assicurarsi che le auto siano spente. Poi, procedere al giusto collegamento dei cavi. Il video tutorial evidenzia come un’estremità del cavo nero vada collegato al polo negativo della batteria carica e l’altra estremità al telaio della vettura scarica. Accendere poi la vettura donatrice, tenendo il motore ad un regime di 2mila o 2mila 500 giri per circa 30 o 60 secondi. Così non si avrà un passaggio troppo veloce di tensione. Infine, scollegare i cavi in modo inverso a come si sono collegati (quindi prima il nero e poi il rosso). Una volta ripartiti, viaggiare per una ventina di minuti per permettere all’alternatore di ricaricare la batteria. S.B.

Commenta