Mondo

E’ morto l’inventore del Kebab

La notizia della morte del padre fondatore del Kebab ha fatto il giro del mondo ed è stata confermata dall'Unione degli imprenditori turco-tedeschi (Tdu). Kadir Nurman era un immigrato turco in Germania e a lui dobbiamo dunque l'invenzione del celebre doner kebab (kebab da passeggio) la carne tagliata dallo spiedo verticale rotante poi servita in una ‘pita' con insalata i più svariati condimenti, piccanti o meno. Nel 1972 il giovane Kadir decise di aprire una tavola calda, dove serviva un antico piatto della tradizione mediorientale (anche se la prima testimonianza si ha in India, nel 1206), fatto di piccole fette di manzo, pollo o agnello, condite poi con spezie e salse varie. L'inventore del doner kebab non brevettò mai la sua invenzione, e quindi non si arricchì in seguito al suo successo mondiale. Fece però ricche le aziende tedesche che inventarono e produssero la le macchine per grigliare la carne che finisce nel panino mediorientale. Il motivo dello straordinario successo dell'invenzione, è comunque legato alla comodità di consumo. Così come avvenne con la scoperta del sandwich, grazie alla possibilità di avvolgere la carne nel pane arabo, o in una piadina, il döner si poteva mangiare mentre si camminava. La diffusione si estese rapidamente in Germania e, da circa dieci anni a questa parte, il kebab è diventato popolare in tutto il mondo. Paradossalmente, il kebab moderno è ritornato ad essere un simbolo della cucina turca grazie a una tavola calda di Berlino. Esistono vari tipi di kebab: quelli da barbecue, (Adana kebab e l'Urfa kebab) oppure l'Iskender kebab, con una salsa di pomodoro, yogurt e burro fuso. Con il tempo Per venire in contro alle esigenze dei gusti degli occidentali sempre più spesso si usano salse come la barbecue, la maionese o il ketchup.

 

FONTE: repubblica.it
 

Commenta