Lavoro ed Economia

“Nuova Sabatini”, al via dal 31 marzo la presentazione delle domande

E’ ormai prossima l’apertura dei termini per la presentazione delle domande di ammissione alle agevolazioni previste dalla misura “Nuova Sabatini”. Dal 31 marzo, sarà infatti possibile presentare le domande di contributo. Si ricorda che la “Nuova Sabatini”, dunque, è rivolta alle piccole e medie imprese che realizzano programmi di investimento in unità operative italiane, anche mediante operazioni di leasing finanziario, acquistando macchinari, impianti, beni strumentali di impresa e attrezzature nuovi di fabbrica ad uso produttivo, nonché investendo in hardware, software e tecnologie digitali.
 

Misure

Tre misure agevolano la realizzazione di  investimenti quali: la concessione, da parte di banche o di società di leasing, di finanziamenti di importo compreso tra 20.000 e 2.000.000 di euro; la concessione alle Pmi di un contributo in conto interessi da parte del Mise; la possibilità per le Pmi di beneficiare del fondo di garanzia per le piccole e medie imprese.
 

Beneficiari

Possono beneficiare delle agevolazioni le Pmi che hanno una sede operativa in Italia e sono regolarmente iscritte nel registro delle imprese; sono nel pieno e libero esercizio dei propri diritti, non sono in liquidazione volontaria o sottoposte a procedura concorsuale, non rientrano tra i soggetti che hanno ricevuto, e successivamente non rimborsato gli aiuti individuati quali illegali o incompatibili dalla Commissione Europea.
 

Investimenti

Sono ammissibili gli investimenti destinati alla creazione di una nuova unità produttiva, all’ampliamento di una unità produttiva esistente, alla diversificazione della produzione di uno stabilimento, al cambiamento fondamentale del processo di produzione complessivo di una unità produttiva esistente, all’acquisizione degli attivi direttamente connessi ad una unità produttiva, nel caso in cui l’unità produttiva sia stata chiusa qualora non fosse stata acquista e gli attivi vengano acquistati da un investitore indipendente. Il programma di investimenti deve avere caratteristiche espansive o innovative: non sono quindi   finanziabili gli investimenti che rientrano in un programma di mero rinnovo.

Per maggiori informazioni sul bando, per assistenza alla compilazione dell’istanza e per le corrette modalità di presentazione della stessa è possibile contattare lo studio della dottoressa Flavia Stanco, in via Partenio, 50 ad Avellino: 3382354353, studiosta@email.

 

FLAVIA STANCO

Commercialista esperta in materia di finanza agevolata

Commenta