Interviste

Tenneco ama la sicurezza con “I love Monroe”

DI STEFANO BELFIORE

 

“L’opportunità di dialogare direttamente con l’officina ci permette di ribadire che il controllo degli ammortizzatori e dell’intera sospensione, oltre ad essere una chance di incremento dell’attività lavorativa, è anche un tangibile segno di professionalità verso il cliente finale”. Così Fabio Fazio (nella foto)senior sales & marketing director Sud Europa Tenneco,  spiega, sulle colonne di Inforicambi, l’identità di “I Love Monroe”. Iniziativa che promuove e diffonde la cultura della sicurezza legata al buono stato degli ammortizzatori.  “L’ammortizzatore – continua - ha un ruolo fondamentale nella tenuta di strada e nella frenata. E’ un elemento che dovrebbe essere sempre al massimo della performance per salvaguardare l’automobilista e i passeggeri”. Da qui il progetto, nato in casa Tenneco, che ora è in tour per l’Italia con la mission di visitare almeno 2500 installatori a cui sarà dato del materiale per aiutarli nella veicolazione della cultura della sicurezza. Aspetto che sta molto a cuore al noto progettista e produttore mondiale di  ammortizzatori e sistemi di sospensione  a marchio Monroe. Un brand che viaggia speditamente sul doppio binario del primo impianto e dei ricambi, seguendo la scia della tecnologia. Sul fronte primo equipaggiamento, le ultime novità del Gruppo sono gli ammortizzarori elettronici: oggi destinati anche alle car del segmento medio. E disponibili inoltre per alcune vetture nel catalogo aftermarket dell’azienda.

 

Con l’iniziativa “I Love Monroe”, Tenneco è in prima linea per diffondere la cultura della sicurezza collegata al buon stato degli ammortizzatori. Come e perché nasce questo evento che da aprile toccherà tutto lo Stivale?
 

Il progetto nasce dall’esigenza di dialogare più da vicino con gli installatori, con il duplice obiettivo di raccogliere le loro impressioni sul mercato della riparazione e le sue evoluzioni ed allo stesso tempo far riflettere gli operatori sul ruolo che hanno nel diffondere la cultura della sicurezza. Soprattutto in questa  fase di  generale difficoltà economica, l’attenzione dell’automobilista sulla  manutenzione dell’automobile si è molto ridotta, specialmente per componenti poco conosciute e non visibili quali gli ammortizzatori. L’ammortizzatore ha un ruolo fondamentale nella tenuta di strada e nella frenata. E’ quindi un elemento che dovrebbe essere sempre al massimo della performance per salvaguardare l’automobilista e i passeggeri.
Inoltre ammortizzatori in buono stato contribuiscono a prolungare la vita dei pneumatici.
Come da lei anticipato l’iniziativa “I love Monroe”, che ha carattere europeo, ad aprile toccherà la quasi totalità del territorio italiano. L’obiettivo è di visitare almeno 2.500 installatori, a cui verrà fornito del materiale che  possa supportarli nella diffusione della “cultura” della sicurezza. Infatti una delle maggiori difficoltà riscontrate dalle officine è far comprendere all’automobilista la necessità di controllare ed eventualmente sostituire gli ammortizzatori scarichi. Come ben sappiamo l’automobilista si abitua alla progressiva perdita di performance dell’ammortizzatore, non realizzando quanto possa essere pericoloso guidare un’auto con ammortizzatori scarichi e quindi non sentendo la necessità di sostituirli.

 

Giunta quest’anno al terzo anno, che risultati ha prodotto “I Love Monroe” in termini di diffusione della sicurezza. E’ possibile tracciare un bilancio, seppur di breve periodo?
 

Negli anni passati abbiamo raggiunto un elevato livello di soddisfazione connesso all’attività “I Love Monroe”. Sono state visitate 10mila officine in tutta Europa. E ciò ha generato un rinnovato interesse per il comparto ammortizzatori anche nell’officina che ne ha visto una “nuova” opportunità di fatturato.  Inoltre questo programma ci ha permesso, attraverso la stampa, di fare comunicazione all’automobilista sulla sicurezza stradale legata allo stato dell’automobile. Ed in particolare alla performance degli ammortizzatori.

 

 

Un significativa caratteristica della campagna è il link con la filiera distributiva, come meccanici e ricambisti, a cui viene trasmessa l’importanza della verifica dello stato di usura degli ammortizzatori. Quanto è fondamentale questo aspetto?
 

Credo  che, in questo momento di forti cambiamenti nella distribuzione, sia fondamentale ribadire le nostre strategie che, da sempre, tengono in considerazione l’intera catena distributiva. “I love Monroe”, infatti, viene realizzato in collaborazione e con il contributo della nostra rete distributiva che a sua volta coinvolge i ricambisti e le officine della zona interessata. L’opportunità di dialogare direttamente con l’officina ci permette di ribadire che il controllo degli ammortizzatori e dell’intera sospensione, oltre ad essere un’opportunità di incremento dell’attività lavorativa, è anche un tangibile segno di professionalità verso il cliente finale.

 

Spostiamoci adesso sul fronte brand. Monroe vanta un ampio ventaglio di prodotti che va dagli ammortizzatori fino ai sistemi di sospensione. Su quali novità di gamma si sta ora lavorando per il primo equipaggiamento?
 

Monroe, leader di mercato sia nel settore del primo equipaggiamento che del ricambio, considera lo sviluppo tecnologico uno degli elementi fondamentali della propria strategia. Gli ultimi prodotti nati dai 14 centri di sviluppo sono gli ammortizzatori elettronici che inizialmente venivano installati su auto di alta gamma. Ma che nell’ultimo periodo sono utilizzati anche in vetture del segmento medio per aiutare ad incrementare notevolmente le caratteristiche di comfort e di sicurezza del veicolo. Ovviamente lo sviluppo è costante e  sono già in fase di test gli ammortizzatori elettronici di seconda generazione ed altri nuovi sistemi di sospensione. Inoltre la necessità delle case automobilistiche di ridurre il peso dei componenti per la riduzione dei consumi di carburante, ha aperto nuovi spazi alla ricerca con l’utilizzo di nuovi materiali più leggeri.


E, invece, per il comparto dell’aftermarket?
 

La nostra priorità per quanto riguarda l’aftermarket è quella di continuare ad offrire la migliore copertura di gamma, le migliori tecnologie ed il miglior rapporto qualità/prezzo. Che è ciò che i clienti si aspettano da un leader di mercato quale Tenneco. L’esperienza ed il know how dei nostri ingegneri ci permettono di offrire al mercato del ricambio le ultime tecnologie disponibili nel primo equipaggiamento, come gli ammortizzatori elettronici, che per alcune vetture sono già disponibili nel nostro catalogo aftermarket. Inoltre recentemente abbiamo lanciato la gamma completa di tiranteria (bracci, testine, boccole etc..) e di molle a gas a marchio Monroe, con risultati molto soddisfacenti sia in termini di accettazione da parte del mercato che di vendita. Un aspetto che per noi rimane fondamentale è quello di continuare a dare supporto ai nostri clienti con programmi di marketing dedicati. Alle consuete attività promozionali, abbiamo affiancato un completo programma di formazione (4T) che include sia aspetti tecnici che di vendita e di negoziazione.
Inoltre quest’anno, lanceremo  una piattaforma web di facile accesso che metterà a disposizione  degli installatori dettagliate informazioni tecniche sui prodotti con le relative istruzioni di montaggio. 

Commenta