Fiere ed eventi

Un nuovo additivo LIQUI MOLY contro i danni al motore

L’additivo PEA rimuove le incrostazioni più resistenti su iniettori: la presentazione ad Autopromotec 2019Sono sempre di più i motori moderni soggetti a un elevato rischio LSPI (low speed pre-ignition). Questo può provocare battiti in testa, danneggiando quindi seriamente il motore. LIQUI MOLY ha sviluppato un additivo che riduce significativamente questo rischio: si chiama PEA e verrà presentato per la prima volta ad Autopromotec. PEA è l'abbreviazione di palmitoiletanolamide. “Il PEA attivo è una sostanza chimica altamente efficace di pulizia in grado di rimuovere anche le incrostazioni più resistenti su iniettori, pistoni e all’interno della camera di combustione, spiega David Kaiser, direttore del reparto ricerca e sviluppo di LIQUI MOLY. “Usato regolarmente protegge inoltre in modo permanente da nuovi depositi di carbonio” aggiunge. Queste incrostazioni sono considerate un fattore importante per il fenomeno LSPI. I motori avanzati turbo a iniezione diretta di benzina hanno un sistema di iniezione altamente sollecitato. Gli iniettori si trovano all’interno della camera di combustione, essendo quindi esposti a temperature e pressioni elevate. In corrispondenza degli orifizi degli ugelli si formano in breve tempo dei depositi che provocano una nebulizzazione della benzina in particelle meno sottili. Ciò peggiora i valori delle emissioni, aumenta il consumo di carburante e può provocare eventuali battiti in testa. Il nuovo additivo PEA è adatto per tutti i motori a benzina a 4 tempi, sia a iniezione diretta, sia a iniezione nel collettore. Le officine possono usare l’additivo sia nell’ambito delle ispezioni, sia per la vendita diretta al cliente. Aggiungendo ogni 2000 km il contenuto di una confezione a quello del serbatoio, si garantisce in modo durevole una riduzione significativa del rischio LSPI.

Commenta