Donne e motori

Si può guidare in gravidanza?

Si può guidare in gravidanza? Una domanda frequente che si pongono molte donne che aspettano un bambino. A questo interrogativo, risponde PitstopAdvisor dando degli utili consigli.

 

Al volante, ma con maggior prudenza

La prima risposta è che ci si può mettere alla guida, ma con un’attenzione maggiore del solito: specialmente negli ultimi mesi della gravidanza. In particolare, se la donna si trova durante il primo trimestre di gravidanza, periodo in cui non hai ancora il pancione, bisogna valutare con attenzione le condizioni fisiche. Se ci si sente spossata o se si soffre di attacchi improvvisi di sonno non è prudente metterti al volante.Nel secondo trimestre invece, quando inizia a vedersi la pancia, si può  comunque continuare a guidare tranquillamente.
 

Cosa prevede il Codice della strada

L’articolo 172 del Codice della strada prevede che solo le donne in stato di gravidanza con rischi particolari, se in possesso di un certificato medico del ginecologo (da tenere sempre in auto) che attesti il pericolo derivante dall’uso delle cinture, sono esonerate dall’uso. Quindi qualora non vi fossero particolari problemi, PitstopAdvisor che la cintura di sicurezza va messa. Se dà particolare fastidio, esistono in commercio dei dispositivi ad hoc che servono per attutire il fastidio delle cinture di sicurezza. Nel terzo trimestre invece il pancione inizia ad essere più di “ingombro” per cui potrebbe essere più problematico arrivare bene al volante senza tenere le braccia troppo tese. Non esiste alcun divieto che imponga di non guidare. Ma sicuramente sta al buon senso della mamma evitare ovviamente strade sconnesse, andare piano per evitare eventuali buche, non percorrere tratte troppo lunghe (anche perché la circolazione del sangue è più difficile in gravidanza) ed evitare qualsiasi manovra o circostanza di pericolo.
 

Il consiglio

Ascoltare sempre il proprio corpo ed avere la massima cura ed attenzione: per nessuna ragione biosgna mettere in pericolo la vita del bimbo che si porta in grembo.

Rubrica a cura di www.pitstopadvisor.com

Commenta