Automotive

Fiat Panda leader incontrastata tra le ricerche online

Il portale, leader europeo per la scelta e la configurazione dell’auto, DriveK ha analizzato la portata e le caratteristiche delle ricerche che gli italiani fanno sul web quando si tratta di scegliere un’auto nuova. Dall’Osservatorio sulla ricerca dell’auto online del portale DriveK, risulta che nel primo semestre del 2019 il mercato dell’auto in italia ha subito un calo delle vendite. Per questo gli italiani puntano a ricercare vetture che conoscono bene. Per la prima volta in tre anni, l’auto più ricercata coincide con quella più venduta: parliamo della Fiat Panda.

Detiene il primo posto in due classifiche: quella delle auto più immatricolate e quella delle auto più ricercate e configurate sul web. Stranamente i SUV, che fino a qualche tempo fa erano l’oggetto del desiderio degli italiani, sono stati superati da veicoli di segmento inferiore.

Infatti, su un campione di 100.000 ricerche organiche del primo semestre 2019, l’analisi porta a posizionare subito dopo la Dacia Duster e la Citroen C3. Per quale motivo? Semplicemente perché sono accomunate dal prezzo di listino decisamente abbordabile e dalle dimensioni contenute.

A seguire troviamo un SUV: la Hyundai Tucson. Subito dopo la Lancia Ypsilon e la Dacia Sandero.

La top ten chiude con veicoli di segmento decisamente superiore: come la Jeep Renegade, Peugeot 3008, Jeep Compass (la più costosa in classifica) e la Hyundai Kona.

L’aspetto sorprendente dell’analisi sta nel fatto che gli italiani mostrano sempre più interesse per le alternative nel rispetto dell’ambiente. Infatti il 52per cento delle ricerche vede auto a benzina, 26 per cento il diesel, le auto ibride il 9,2 per cento e le elettriche il 7,8 per cento. Si migliora, anche se le percentuali non sono ancora consistenti.

«Questo divario tra ricerca e acquisto – afferma il Country Manager per l’Italia di MotorK, società proprietaria del portale DriveK, Tommaso Carboniè legato a due ordini di fattori: da un lato la scelta di questi sistemi di alimentazione implica il sostenere, per lo stesso veicolo, un prezzo superiore a quello dei motori tradizionali; dall’altro la rete distributiva sul territorio potrebbe preferire i motori termici in pronta consegna a veicoli green, tanto da invitare il cliente ad un cambio di rotta

«Il fatto che sempre più italiani ricorrano al web per scegliere e configurare la propria auto nuova ci permette di avere un quadro chiaro di come si stiano orientando i loro gusti e le esigenze. – prosegue CarboniIl principale fattore di scelta rimane il portafoglio: l’attenzione al budget è tale da convincere molti utenti a scendere a compromessi con altre caratteristiche, prima fra tutte la sicurezza. 4 delle 10 auto più configurate sul web, infatti, sono sprovviste di sistemi avanzati di sicurezza alla guida».

Di seguito la tabella dettagliata con la classifica delle 10 auto più immatricolate in Italia in questo primo semestre 2019 e la tabella delle categorie di motore più ricercate.

(dati UNRAE, Associazione delle Case estere operanti sul mercato italiano)

Costanza Tagliamonte

Commenta