Accessori e tecnologia

Guida automatizzata: il portale di Continental

La guida automatizzata sta facendo passi da gigante. Lo rivelano le previsioni degli esperti del settore che insieme a Continental forniscono le prime proiezioni: dal 2025 in poi dovrebbe essere possibile guidare in modalità completamente automatizzata dall’ingresso all’uscita delle autostrade, permettendo al conducente di riprendere la guida, interrompendo le funzioni automatiche, garantendo una maggiore sicurezza e un confort migliore. “La guida automatizzata sta assumendo un ruolo sempre più da protagonista nel mercato automotive” dice Elmar Degenhart, Ceo di Continental.
 

6 gli obiettivi a cui si punta:
 

1 – Tecnologia: riduzione degli incidenti. Esistono già sistemi evoluti di assistenza alla guida con sensori in grado di registrare l'area intorno al veicolo con grande precisione.
 

2 – Connessione: Internet diventerà parte attiva del veicolo, una sorta di sesto senso.
 

3 – Interazione dinamica: interazione tra veicolo e conducente, per mantenere il controllo durante l’attivazione dei sistemi di guida automatizzata
 

4 – Struttura: gestione in tempo reale e in totale sicurezza di una quantità enorme di dati (anche fino a 1GB al minuto)
 

5 – Sicurezza: l’affidabilità della guida automatizzata permette, in caso di guasto meccanico, al veicolo di proseguire
 

6 – Evoluzione: l’accettazione della guida automatizzata deriva anche dalla fiducia che i consumatori rivolgeranno alla tecnologia che inevitabilmente è in evoluzione costante.

 

Il portale Continental sulla guida automatizzata

Continental, grazie anche al contributo di esperti e consumatori, ha presentato il nuovo portale “2025 AD”un sito web pubblico e indipendente che promuove il dialogo globale sui tema della guida automatizzata. Il portale si rivolge ad un pubblico internazionale e propone contenuti legati agli aspetti tecnici, giuridici e sociali legati al futuro della mobilità contribuendo a rendere più comprensibile questo tema.  Il sito ospita contributi di autori internazionali e invita a discussioni anche sui canali social connessi come Facebook, Twitter, Linkedin.

Commenta